[ti_audio media="100" autoplay="1" autoresume="1" repeat="1" ]

IL VOLTO DELL’OCCIDENTE. Conferenza del prof. Flavio Caroli

4-05-2013

COMUNICATO STAMPA  Conferenza Flavio Caroli  

Il giorno Giovedì 9 Maggio 2013 alle ore 18.00, l’Accademia di Belle Arti di Bologna ospita, nell’Aula Magna dell’Istituto, il noto storico dell’arte Flavio Caroli che presenterà ai bolognesi la sua ultima creatura editoriale dal titolo “Il Volto dell’Occidente – Venti Capolavori che hanno fatto l’immagine della nostra civiltà” pubblicato da Mondadori. Flavio Caroli, che attualmente insegna all’Università di Milano dove vive e lavora, per molti anni è stato nostro concittadino: si è formato e laureato con Francesco Arcangeli ed ha insegnato al Dams degli esordi. Da quando è nata la trasmissione “ Che tempo che fa” di Fabio Fazio è ospite fisso, dove “legge” ed interpreta capolavori dell’arte italiana ed internazionale.

Bologna, 3 Maggio 2013

 

F.to Il Direttore

 

Prof. Mauro Mazzali

 

È possibile descrivere lo spirito della civiltà occidentale, così come si è evoluto con mutamenti vertiginosi nel corso del XX secolo, attraverso venti capolavori dell’arte? L’impresa è senza dubbio temeraria, e non priva di insidie che potrebbero indurre a forzature o interpretazioni arbitrarie. Ma Flavio Caroli, da sempre interessato a indagare i fondamenti primari del “pensiero in figura”, accetta la sfida. Ed ecco allora che, dopo aver tratteggiato i volti dell’uomo e della natura nelle sue molteplici manifestazioni artistiche, delinea un nuovo volto che in qualche modo li racchiude. Un’immagine essenziale e al tempo stesso complessa, un poliedro a venti facce: venti opere da Van Gogh a Warhol. Tra fine Ottocento e fine Novecento l’impulso innovativo dell’arte ha subito accelerazioni inaudite, dissacrando, rinnegando, stravolgendo il punto di vista sulla realtà e tuttavia, una volta esauritasi la violenza di tale eruzione, ha riscoperto, in una visione rinnovata, le radici di quella tradizione che intendeva estirpare. Non a caso i venti capolavori prescelti, celeberrimi e di valore universale, sono da considerare archetipi, motori originari di “tutto ciò che si è mosso nell’immaginario occidentale”: fra questi, “La notte stellata” di Van Gogh, “La Dame” di Matisse, “Primo acquerello astratto” di Kandinskij, “Guernica” di Picasso, “La città che sale” di Boccioni, “Le Muse inquietanti” di de Chirico, “Murale” di Pollock, “Trenta è meglio di una” di Warhol.

 

Fonte: http://www.amazon.it

 

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.